Smart TV Box o Dongle TV? Vediamo differenze e migliori modelli

Vuoi trasformare il tuo TV in uno smart TV?
Se il tuo televisore non dispone di un accesso ad Internet puoi acquistare un TV box smart esterno o un Dongle TV HDMI, ed avere accesso così ad internet ed ai tanti suoi contenuti: dalle iptv (Netflix, Sky, Dazn, Amazon Prime Video, Now TV), alla musica in streamming, ai video di YouTube e tanti altri servizi fruibili via internet.

Gli smart box tv esteticamente somigliano a dei modem o decoder (quindi occuperanno un piccolo spazio in prossimità del TV), mentre i dongle TV HDMI sono simili a piccole pen drive (quindi non visibili poiche vanno collegati sul retro del televisore). Tecnicamente l’obiettivo di entrambi dispositivi è lo stesso (far fruire delle risorse internet), ma ci sono delle differenze notevoli da tenere a mente in fase di acquisto.

Quando scegliere un box totalmente esterno o uno di tipo dongle?
Per capire quando scegliere un Dongle HDMI e quando scegliere un TV box andiamo vedere i pro e i contro delle varie soluzioni, ed i prezzi di acquisto di questi dispositivi.

1. I TV Box: pro e contro

Android TV box
Un TV Box esteticamente è uno scatolotto di plastica della stessa grandezza di un modem/router. Si collega alla porta HDMI del televisore e all’alimentazione elettrica, ed è comandato tramite telecomando. E’ come un piccolo computer e quindi al suo interno ha il sistema operativo Android appositamente configurato per gli smart box tv.

Un box TV Android in generale offre molte più funzionalità rispetto ad un dongle HDMI dato che, esattamente come se aveste uno smartphone o un tablet, potrete installare manualmente delle applicazioni da avviare poi ogni qual volta lo desideriate. Questo vale sia per le app di streaming come Netflix e Amazon Prime Video ma potete anche installare app come VLC, Kodi, Mx Player per riprodurre file multimediali locali (generalmente tutti i TV Box supportano schede di memoria esterne) e, nel caso di TV Box particolarmente evoluti come Nvidia Shield TV, potete anche installare dei giochi.

Gli Android box Tv non sono tutti uguali per funzionalità, quindi qualora decideste di optare per un TV Box però, dovete necessariamente fare attenzione ai servizi supportati.

Se per applicazioni come Netflix e YouTube difficilmente avrete problemi, non si può dire lo stesso per quanto riguarda i servizi delle Pay TV: servizi come quelli di Sky Go o Premium Play potrebbero risultare incompatibili. Per questo motivo in fase di acquisto è bene controllare bene le specifiche tecniche dei vari TV Box e controllare anche le recensioni online.

A volte, infatti, il mancato supporto di alcuni servizi viene in un certo senso “sfruttato” per invogliare i consumatori ad effettuare gli abbonamenti ad altri servizi (Infinity per gli utenti Mediaset e Now TV per gli utenti Sky).

1.1 TV Box economici

Tra i Pro di questa categoria c’è sicuramente il costo molto basso, la possibilità di avere un OS Android completo collegato alla TV, la possibilità di interfacciarsi con un telecomando (magari uno di quelli con tastiera QWERTY fisica per digitare comodamente gli URL dei siti web, ecc.)

Come contro la potenza a bordo è molto limitata ed anche la memoria può esserlo. Trattandosi di un dispositivo con a bordo Android valgono le stesse considerazioni che fareste in uno smartphone: 2 GB di RAM e 16 GB di memoria interna possono essere davvero pochi. Poca memoria RAM influisce sulla fluidità del sistema mentre poca memoria interna impedirà l’installazione di applicazioni pesanti.

Qui di seguito ti elenco modelli e prezzi di qualche modello economico.

T9 Android TV Box
Il primo Box TV di cui vi parliamo è uno dei più economici, basato sul sistema operativo Android TV.

Permette di scaricare sul televisore app per la visione dei film (come Netflix o Amazon Video) ma anche giochi, che possono essere controllati con il telecomando incluso. Ha una memoria di 16 GB, utile per installare qualche app e qualche gioco (leggero, considerando la poca RAM).

Le caratteristiche tecniche non sono eccezionali, e la sua utilità maggiore è quella di vedere i contenuti video, che possono essere riprodotti senza necessità di caratteristiche tecniche eccezionali, grazie alle specifiche app scaricabili da Play Store.


Bqeel TV Box Android
Le funzioni sono simili al box precedente, perché si basa sempre su Android TV, con la differenza principale che il box, essendo più costoso, ha una serie di caratteristiche tecniche migliori.

In particolare, la memoria interna è da 64 GB, e i 4 GB di RAM consentono di eseguire anche app che non sono esclusivamente quelle per i contenuti video, ma anche app di informazione e giochi.

Nel complesso, grazie al controllo con il telecomando costituisce di fatto una piccola console, seppur semplice, che gestisce tutta la componente software di un televisore non smart.


Altri smart box tv Android economici
Qui di seguito si riportano alcune offerte relative a Smart Box TV Android in vendita su Amazon.

Per visualizzare più offerte clicca qui (sito di Amazon)

1.2 TV Box Android di fascia alta

Questa categoria di decoder sono perfetti per la riproduzione multimediale di file in alta definizione (spesso sono supportati anche i file in 4K), possono sostituire una normale consolle di gioco e nel caso di Nvidia Shield TV è possibile interfacciarsi al sistema anche tramite i comandi vocali.

Come contropartita per acquistarlo bisogna pagare un prezzo molto elevato e alcune funzionalità come la riproduzione di file in 4K potrebbe comunque non essere compatibile con un vecchio televisore.

Nvidia Shield TV
Ecco un TV Box di fascia alta, nell’ottica di comprendere le differenze rispetto a quelli con caratteristiche inferiori.

Nvidia Shield TV è un TV Box che funziona anche come console da gioco, tanto che include anche un controller.

Si connette ad internet ed è compatibile con Google Assistant, che permette di controllarlo con la voce. Integra un sistema operativo che permette di utilizzare servizi come Netflix o Amazon Video, senza particolari impostazioni aggiuntive.

Il valore aggiunto in questo caso è un grande archivio di giochi disponibili sia in locale che in streaming; servizi aggiuntivi come questo costituiscono il valore aggiunto dei box di fascia alta, come Apple TV, che li differenziano in modo fondamentale da quelli visti precedentemente.

2. Dongle TV HDMI: pro, contro e modelli più famosi

Come accennato all’inizio il dongle TV box è molto compatto, ha le dimensioni leggermente più grandi di una pendrive e si collega direttamente alla porta HDMI del televisore. Necessità di alimentazione che può essere prelevata direttamente dal TV se ha una porta USB o tramite un alimentatore simile a quello degli smartphone.

Nel caso dei dongle HDMI, invece, ci sono delle differenze sostanziali tra i vari modelli. Indubbiamente il dongle TV più famoso è Google Chromecast, recentemente aggiornato per migliorare l’esperienza d’uso a livello di qualità del segnale ma sempre disponibile ad un prezzo molto contenuto, ma in casa Amazon c’è un competitor fortemente agguerrito: vediamo i tre dongle più famosi in Italia.

2.1 Google Chromecast

chromecast googleIl vantaggio di Google Chromecast (disponibile anche in versione 4K) è l’immediatezza del servizio, lo svantaggio è che richiede l’utilizzo di uno smartphone (vanno bene tutti gli smartphone Android che abbiano una versione superiore alla 4.3 Jelly Bean e gli iPhone) o comunque di un dispositivo che abbia accesso a Google Chrome. Questo significa che rispetto ad un TV Box non potremo controllare comodamente Google Chromecast con un telecomando. Se a casa hai uno dei device Google Home, potrai interfacciarlo ad essi e comandare il TV attraverso i comandi vocali.

Ma come dicevamo prima, il vantaggio è l’immediatezza. Infatti, nelle varie applicazioni Android verrà mostrata una piccola icona che permetterà di spostare la riproduzione multimediale da locale alla Google Chromecast con un semplice tap sul display. E mentre il contenuto verrà riprodotto sulla TV voi potrete controllare la riproduzione (mettere in pausa, mandare avanti e indietro, ecc,) direttamente dal vostro smartphone.

Ma non è finita: Google Chromecast supporta anche una funzione chiamata “mirroring”, grazie alla quale potrete trasmettere la schermata del vostro smartphone in tempo reale sulla vostra TV in salotto. Questa funzione è molto utile perché oltre a riprodurre contenuti multimediali potrete anche visualizzare foto, navigare siti web o mostrare documenti a tutto schermo. Le funzionalità da sfruttare quindi possono essere molto ampie.

Questa immediatezza d’uso unita al costo irrisorio e ad una qualità molto elevata (aspetto che non vale per tutti i TV Box, soprattutto quelli economici) fa di Google Chromecast un dongle HDMI estremamente consigliato.

2.2 Anazon Fire Stick TV

dongle amazon fire  tick tv
L’alternativa più blasonata a Google Chromecast è sicuramente Amazon Fire Stick (disponibile anche in versione 4K). Tuttavia, i due prodotti sono molto diversi tra di loro e l’unica cosa che hanno in comune è il prezzo molto basso.

Amazon Fire Stick, infatti, punta ad emulare il comportamento di un TV Box a tutti gli effetti. Infatti, oltre a dare accesso ai vari servizi come Amazon Prime Video e Netflix, permette l’installazione di diverse applicazioni (basti pensare alla compatibilità con Firefox e Spotify) ma anche di diversi giochi.

Ovviamente Amazon Fire TV Stick costa poco perché è un modo che usa Amazon per incentivare l’utilizzo dei propri servizi come Prime Video, Music ecc. Per questo motivo Amazon Fire TV Stick si abbina perfettamente ad un abbonamento Amazon Prime.

Abbonarsi a questo servizio costa 36 euro, ma dato che gli utenti Prime possono risparmiare 20 euro sull’acquisto di Amazon Fire TV Stick (da 59 a 39 euro) sicuramente il costo è irrisorio per tutti i contenuti che offre Amazon. Ed anche se doveste preferire Netflix a Prime Video avrete comunque molti altri contenuti a disposizione.

Amazon fire stick TV è compatibile con Amazon Alexa, quindi se a casa avete un dispositivo Amazon Echo potrete usare i comandi vocali per utilizzare anche Fire stick TV.

2.3 Now TV Smart Stick TV

C’è poi una terza opzione: NowTV Smart Stick. Questo dongle HDMI supporta anche applicazioni come YouTube, Vevo, Vimeo ecc. ma il suo obiettivo è quello di fornire accesso ai contenuti di Sky a coloro che non vogliono l’installazione tramite decoder e parabola ma preferiscono utilizzare la linea Internet. Il servizio Now TV, infatti, grazie ai suoi quattro ticket (Cinema, Serie TV, Intrattenimento e Sport) offre il meglio della programmazione Sky. Questa è comodamente visibile su smartphone e tablet, ma qualora voleste visualizzarli sulla TV ecco che verrà in vostro aiuto NowTV Smart Stick. Rispetto a Google Chromecast e Amazon Fire TV Stick qui siete un po’ legati ai servizi di Sky. Se non foste interessati a questi ultimi fareste bene a ripiegare sugli altri due dongle TV citati prima.

2.4 Xddias Wifi

Questo Dongle è uno dei più economici attualmente in commercio, ed ha la funzione di ricevere il segnale visivo, via Wi-Fi, da smartphone e tablet, per riprodurre lo schermo sul televisore.

Si compone di tre porte, l’alimentazione, una porta HDMI per i televisori moderni e, se necessaria, una porta A/V per i televisori più datati. Si connette in Wireless al tablet o al telefono e consente di effettuare il mirroring dello schermo, supportando in questo modo foto, video, giochi, navigazione internet e tanto altro.

Unico neo, il fatto che sui dispositivi iOS (iPhone, iPad) il mirroring non può essere eseguito completamente, perché sono supportati solo servizi non crittografati (come YouTube). Non è compatibile con Amazon Video o Netflix, il che lo rende meno utile per chi possiede questo tipo di dispositivi.

2.5 LG AN-WF100

Questo Dongle LG ha la più semplice funzione di collegare ad internet televisori che non hanno una scheda wireless integrata.

Comprende un piccolo sistema operativo che, essenzialmente, permette di navigare su internet, trasformando di fatto il televisore in un browser. Da qui è possibile entrare in siti come Netflix, YouTube, Amazon Video e via dicendo per vedere tutto ciò che potremmo normalmente vedere dallo schermo di un computer.

La particolarità è che in questo caso non si effettua il mirroring di un dispositivo mobile, ma è un prodotto a sé stante indipendente, più simile a Fire Stick di Amazon che non a Chromecast di Google; è utile per dare al televisore un accesso ad internet generico.

3. Conclusioni

Indubbiamente il dongle HDMI può garantire un prezzo molto basso (la spesa è inferiore ai 50 euro) e una qualità notevole garantita da Google e Amazon. Tuttavia, le potenzialità di un TV Box di alta qualità sono sicuramente superiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *