Amazon Alexa: soluzioni per la smart home

Tra i diversi servizi per rendere la casa intelligente, uno dei più interessanti è Amazon Alexa, l’assistente vocale proposto dalla nota azienda che, arrivato in Italia con un po’ di ritardo (Ottobre 2018) è già uno dei sistemi più interessanti per il controllo degli elettrodomestici.

Abbiamo parlato di Alexa nell’articolo dedicato, spiegando le caratteristiche di questo assistente. In questo articolo vogliamo invece rispondere ad una delle domande più importanti per chi vuol scegliere questo sistema per il controllo della propria casa smart: come si controlla la casa con Alexa?

infatti, molti accessori sono compatibili con Alexa già da prima che Alexa arrivasse in Italia, perché all’estero è già disponibile ormai da tempo.

La risposta tecnica alla domanda è molto semplice: l’assistente vocale ascolta la nostra voce e quando diamo dei controlli (accendere la luce in cucina, mettere la nostra musica preferita, attivare elettrodomestici…) lui semplicemente esegue. Dal punto di vista degli accessori ci sono invece diverse categorie di prodotti che possiamo controllare, già compatibili con Alexa: vediamoli.

1. Dispositivi con a bordo il sistema Alexa

Si tratta di una categoria particolare di dispositivi che permettono di utilizzare Alexa, in altre parole senza questi non si ha proprio Alexa (per cui sono gli unici dispositivi fondamentali).

Per il momento, i dispositivi con Alexa integrato sono solamente gli Amazon Echo, di cui abbiamo parlato nell’articolo dedicato. Questi prodotti contengono Alexa e, una volta installati, consentono di comunicare con l’assistente.

Da notare che, grazie ad accordi Amazon, in futuro Alexa sarà integrato in altri dispositivi audio, come speaker diversi dagli Echo oppure le cuffie, per chi non ha necessità di un dispositivo da salotto. Questi prodotti sono già in vendita, ma riceveranno la compatibilità con Alexa solamente dal 2019.

2. Le Skill di Alexa

amazon alexa skills casa smart
Una volta acquistato un dispositivo che contiene Alexa dobbiamo installare le Skill, che rappresentano il set di istruzioni per poter comunicare con un servizio.

Se ad esempio hai in casa il kit Philips Hue per il controllo delle luci smart, dovrai scaricare la skill Philips. In questo modo se sul tuo sistema Philips hai impostato come nome delle luci “camera da letto”, quando dirai “Alexa accendi camera da letto” , Alexa comunicherà al Philips Bridge (il sistema di controllo delle lampade Philips) che dovrà accendere le luci della camera da letto.

Per saperne di più sulle Skill ti consiglio di leggere l’articolo “Alexa Skills: cosa sono e a cosa servono?“.

3. Applicazioni Smart Home

Spiegato come funziona il sistema Alexa Casa vediamo in modo sintetico alcune soluzioni per la domotica.

3.1 Illuminazione, prese e interruttori

E’ la base per una casa Smart, e ci sono tantissimi accessori compatibili con Alexa, che vanno dalle lampadine di ogni forma, dimensione e attacco, alle prese che rendono smart qualunque elettrodomestico.

Si tratta di una funzione che di base è di tipo on-off: una presa smart, per esempio, fa passare corrente o non la fa passare, sotto comando di Alexa, quindi accende o spegne, di fatto, l’elettrodomestico collegato. Stesso vale per le lampadine.

Alcune lampadine, poi sono più “intelligenti” ed è quindi possibile modificare la luminosità oppure scegliere di illuminarle con un colore piuttosto che con un altro. Tra queste ci sono le celebre Philips Hue, che abbiamo citato nell’esempio delle skill, ma anche lampadine che non fanno parte di un ecosistema così complesso (e che sono quindi più economiche).

3.2 Climatizzazione

I dispositivi smart controllabili con Alexa che rientrano in questa categoria fanno parte di tre categorie:

  • I termostati smart, sicuramente i più economici, che misurano la temperatura e in base a quella accendono o spengono caldaia o climatizzatore. Collegandoli a questi elettrodomestici abbiamo una soluzione smart economica che consente di controllare anche elettrodomestici non smart. Di questa categoria fanno parte anche le valvole per termosifoni.
  • I climatizzatori, ne esistono già diversi modelli compatibili anche con Alexa. Chiaramente sono prodotti piuttosto costosi, utili per chi vuol cambiare il climatizzatore;
  • Le caldaie e, più in generale, le stufe elettriche, alcune delle quali possono essere controllate per accensione e spegnimento (anche per raggiungimento della temperatura) con Alexa.

3.3 Sicurezza

Sono diversi i dispositivi per la sicurezza compatibili con Alexa, soprattutto per chiedere di iniziare a registrare, interrompere la registrazione e comunicare con l’assistente che potrà così inviare delle notifiche agli smartphone.

Questi dispositivi comprendono le videocamere di sorveglianza, da esterno oppure da interno, ma anche i videocitofoni, campanelli smart e poi rilevatori di fumo o rilevatori di acqua da inserire nella propria abitazione.

3.4 Audio e Video

Sebbene i dispositivi con Alexa siano già degli speaker, potrebbero non essere abbastanza potenti per qualcuno, o trovarsi in una stanza diversa da quella che ci interessa.

Per questo ci sono diversi speaker già compatibili con Alexa, sui quali è possibile “deviare” il flusso audio (quindi non lo riproduce Echo, ma lo riproduce l’altro speaker) oppure avere una riproduzione contemporanea dello stesso audio.

Per quanto riguarda i dispositivi video, sono per lo più degli smartbox, compatibili con l’assistente, al quale è possibile chiedere di vedere un certo contenuto o di avviare un videogioco: grazie all’integrazione, controlleremo lo smartbox, di solito un dispositivo Android, con la nostra voce.

3.5 Elettrodomestici

Ci sono diversi elettrodomestici giò compatibili con Alexa, e per lo più fanno parte della categoria dei robot, aspirapolvere e robot da cucina.

Per i primi è possibile programmare l’inizio e la fine della pulizia, oltre alle caratteristiche gestionali che preferiamo; per i robot da cucina possiamo richiedere dei programmi specifici, possiamo indicare il tempo di funzionamento e le particolarità che preferiamo.

Esistono anche altri elettrodomestici compatibili come le bilance (che inviano il peso in automatico ad Alexa) oppure le scope elettriche, che però al momento offrono poca scelta.

3.6 Hub e Routers

Se la casa è piccola tendenzialmente questi prodotti non servono, ma se ci sono tanti elettrodomestici smart oppure se la casa è distribuita su più piani iniziano ad essere utili.

Sono per lo più dispositivi che ricevono e rilanciano i segnali wireless, solitamente espandendo la portata della rete wi-fi di casa, ma non solo. L’integrazione con Alexa è utile per lo più per gestire le connessioni, permettere la connessione o toglierla ad un elettrodomestico, conoscere la potenza del segnale wi-fi, sapere quali dispositivi sono connessi, chiedere di attivare il parental control sulle connessioni che transitano dagli hub.

3.7 Altre categorie

Ci sono infine tutta un’altra serie di elettrodomestici, non classificabili nelle altre categorie, che possono migliorare la nostra casa smart. Tra queste:

  • Le stazioni meteo, che consentono di monitorare il microclima interno o esterno alla casa;
  • I tosaerba, robot da giardino che possono essere attivati in modo completamente automatico;
  • I mini droni, la cui partenza può essere attivata anche dall’assistente vocale;
  • Le sveglie, che si possono impostare con comandi vocali di Alexa (che già di per sé è una sveglia, ma può essere utile se lo teniamo in una stanza diversa dalla camera da letto).

La lista è in costante aumento, perché continuamente ci saranno dispositivi che si aggiungeranno a quelli che abbiamo indicato, per avere una casa sempre più smart.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *