Migliori termostati smart wifi

Il termostato è uno strumento fondamentale da avere nella propria abitazione. Grazie a questo strumento, è possibile infatti regolare la temperatura presente a casa. Negli ultimi tempi si è diffuso molto il termostato smart, un dispositivo intelligente capace di interconnettersi con altri dispositivi smart presenti nell’ambiente.

Sono diverse le caratteristiche di questo prodotto, che può offrire vantaggi incredibili a chi ne fa un buon uso. Occorre dunque considerare qual è l’uso del termostato smart e quali sono le sue caratteristiche principali, prima di comprendere quali possono essere i migliori prodotti del genere attualmente disponibili sul mercato.

1. Termostato smart: perchè conviene?

Un termostato smart si differenzia dal normale prodotto in quanto possiede funzionalità intelligenti per così dire. In primo luogo, questo strumento può essere controllato a distanza attraverso specifici programmi. Il termostato può connettersi via wireless alla rete internet di casa oppure via bluetooth a qualsiasi telefono possieda questa connessione. In questo modo, anche grazie al proprio telefono sarà possibile controllare il termostato.

Inoltre, il termostato smart possiede un particolare sistema di ricezione dati. I dati vengono poi elaborati e grazie a quest’ultimi è possibile programmare diverse funzioni. Ad esempio, al verificarsi di certe circostanze, il termostato comprenderà quando alzare la temperatura e quando invece sarà necessario abbassarla. In alternativa, è possibile impartire dei comandi manuali programmati al termostato che si comporterà esattamente come stabilito.

Inoltre, diversi termostati smart riescono ad offrire una sorta di visione d’insieme, mostrando all’utente gli orari personalizzati in quelli che possono essere definiti dei veri e propri calendari digitali.

Ancora, i termostati smart di ultima generazione possiedono anche degli incredibili sensori di prossimità. Quest’ultimi riescono ad avvertire l’eventuale presenza di persone nell’abitazione. Quando i sensori avvertono che non ci sono più persone all’interno della casa, allora il termostato si spegne, contribuendo al risparmio energetico dell’abitazione.

In ultima analisi, grazie ad un termostato online, risulta essere molto più facile gestire il clima all’interno della propria casa e regolarlo a seconda dei propri gusti con semplicità.

2. I migliori modelli di termostati smart

Dopo aver analizzato le caratteristiche principali ed innovative dei termostati smart occorre quindi concentrarsi su quelli che è possibile considerare come i migliori termostati presenti sul mercato. I modelli che verranno presi in considerazione possiedono caratteristiche eccezionali, con funzionalità che possono essere integrati a sistemi con funzionalità di Smart-Home, molto in voga nell’ultimo periodo. Ecco quindi una panoramica generale inerente ai migliori modelli di termostati smart.

2.1 Bticino Smarther

termostato connesso bticino smarther
Smarther, il termostato proposto da BTicino, è un prodotto molto interessante.

Caratterizzato da un ottimo design e da un display touch, che si accende quando ne abbiamo necessità, controllabile dall’applicazione, mette a disposizione una serie di funzioni smart come il controllo a distanza della temperatura, la geolocalizzazione, le notifiche personalizzate inviate dall’app per ricordarci di spegnere la caldaia quando non siamo in casa e il controllo dei consumi.

Particolarmente interessante è la funzione boost, che permette di accendere la caldaia per 30, 60 o 90 minuti ininterrottamente con l’obiettivo di scaldare rapidamente la casa fredda.

Il termostato connesso Bticino è funziona con gli assistenti vocali Amazon Alexa e Assistente Google.

2.2 Tado Termostato intelligente


Il termostato intelligente Tado è uno dei prodotti più conosciuti in un’ottica di riscaldamento smart per la propria abitazione.

Si tratta di un termostato controllabile da remoto, programmabile e che permette di controllare i consumi; ciò che è particolarmente interessante sono però le funzioni esclusive, tra le quali troviamo l’integrazione con i dati meteo esterni e la compatibilità con tutti gli assistenti vocali smart in commercio, ovvero Google Home, HomeKit di Apple e Alexa di Amazon.

Interessante anche la possibilità di migliorarlo con gli accessori compatibili, cioè il kit di estensione, piccoli termostati che rilevano la temperatura delle diverse stanze in casa, e le valvole termostatiche che controllano i singoli termosifoni.

2.3 Nest Learning Termostat


Altro prodotto molto famoso e conosciuto, si tratta di un termostato caratterizzato da un design del tutto particolare, quasi futuristico.

Oltre alle funzioni smart che possiamo trovare anche negli altri prodotti, è interessante perché Nest si adatta alle nostre abitudini, quindi dopo una regolazione iniziale fatta durante le prime settimane è in grado di autoregolarsi anche senza il nostro intervento.

Si tratta di una funzione davvero “intelligente”, che possiamo comunque tenere sotto controllo grazie ai grafici e alle statistiche visualizzabili sull’app dedicata.

Nest è una società del gruppo Google, quindi il termostato è pienamente compatibile con Google Assistant.

2.4 Termostato intelligente Netatmo

netatmo termostato intelligente pack content
Il termostato intelligente proposto da Netatmo è un termostato smart simile a Nest, che permette di sfruttare la funzione di autoadattamento e quindi di modificare la sua funzionalità in base alle nostre abitudini.

Può utilizzare le altre funzioni tipiche dei termostati smart, come il controllo del riscaldamento a distanza, la geolocalizzazione, il monitoraggio del consumo.

Tra le funzioni particolari, la possibilità di scegliere un piano di riscaldamento senza impostazioni avanzate, basato sulla risposta ad una serie di semplici domande, e la possibilità di monitorare il sistema di riscaldamento così da essere avvertiti in caso di sospetti guasti.

2.5 Termostato Honeywell Lyric T6

termostati smart honeywell lyric t6
Si tratta di un termostato più simile alle varianti tradizionali, che a differenza di altri è alimentato con la corrente elettrica, non con le pile, quindi non c’è il pericolo che si possa spegnere senza che ce ne accorgiamo.

Le funzioni smart sono simili a quelle degli altri termostati (programmazione, geolocalizzazione, monitoraggio dei consumi) mentre il valore aggiunto di questo prodotto è la possibilità di monitorare la caldaia; se la temperatura non cambia in base al funzionamento del termostato ci segnalerà la presenza di un probabile guasto.

Il termostato Lyric T6 è inoltre compatibile con Google Home e con Apple HomeKit.

2.6 Hive Active Heating

hive active eating
L’ultimo termostato di cui vi parliamo è simile ad un termostato tradizionale, senza rinunciare alle funzioni smart più diffuse.

Oltre alle funzioni tradizionali di tutti i termostati smart, è in grado di poter funzionare in abbinamento a più di un termostato, così da controllare la temperatura nelle diverse stanze della casa; inoltre ci avverte se abbiamo lasciato il riscaldamento acceso quando usciamo di casa, e se le temperature esterne sono troppo basse che potrebbero danneggiare le tubature dell’acqua, così da suggerirci di accendere la caldaia per una questione di manutenzione.

Il termostato Hive è compatibile con l’assistente vocale Google Home.

3. L’installazione del termostato

L’installazione del termostato smart è molto simile a quella dei termostati tradizionali, in quanto il dispositivo deve comunque essere collegato alla caldaia ed avere modo di “comunicare” con essa.

Per questo motivo possiamo distinguere essenzialmente due tipologie di termostato:

  • Il termostato collegato direttamente alla caldaia, che deve essere installato nello stesso punto in cui era presente il vecchio termostato;
  • Il termostato mobile, che può essere spostato in qualunque punto della casa, e comunica in wireless con un bridge che lo mette in comunicazione cablata con la caldaia.

3.1 Il termostato collegato alla caldaia

Nel primo caso, l’installazione è simile a quella di un termostato tradizionale: una volta tolto il vecchio termostato, dovremo collegare il nuovo ai due cavi per l’alimentazione (N, il cavo neutro, di colore blu ed L, il cavo della linea, di colore marrone o nero) e ai due cavi di comunicazione con la caldaia (denominati C o Com, Comune, e NC, Normalmente Chiuso).

Una volta effettuato il collegamento, la caldaia non noterà differenze con il vecchio termostato, e potremo iniziare ad utilizzare il termostato smart.

3.2 Il termostato mobile

Nel secondo caso invece abbiamo due dispositivi diversi.

Il primo, quello più “evidente”, è il dispositivo mobile, che ha lo schermo e che possiamo programmare, nonché dal quale possiamo visualizzare la temperatura in ogni momento. Alimentato generalmente a pile, si può posizionare in qualunque punto della casa, a muro o su una superficie (come il tavolo); attenzione, naturalmente, a dove lo mettiamo perché è lui che misura la temperatura (se lo mettiamo vicino al termosifone o a una finestra le misurazioni non saranno corrette).

Il secondo dispositivo è il bridge, che comunica via wireless con la parte mobile. Generalmente non ha schermo, ma ha solo i cavi che consentono di connetterlo alla caldaia. A seconda dei dispositivi, può essere installato:

  • Al posto del vecchio termostato, con un’installazione simile a quella vista per i termostati cablati. Si rimuove il vecchio termostato e si collega il bridge, che ha i cavi di collegamento per alimentazione e caldaia. Al posto del termostato rimarrà quindi una piccola cassetta di plastica, senza schermo.
  • Vicino alla caldaia. In questo caso l’installazione è più complessa, perché è necessario aprire la caldaia e collegare il bridge direttamente alla scheda. In questo caso il “buco” del vecchio termostato rimarrà vuoto, e dovrà essere coperto con una placca in plastica.

3.3 L’app per la gestione del termostato

L’installazione di un termostato smart è sempre seguita dall’installazione di un’applicazione per smartphone che permette di gestirlo dalla distanza.

L’app è necessaria, oltre che per la gestione, anche perché il termostato si colleghi ad internet, poiché la password del Wi-Fi, ad esempio, va inserita dall’applicazione. Per questo motivo è fondamentale seguire le istruzioni del produttore, che contengono sempre il link o il QR Code per scaricare l’app dagli store specifici.

A quel punto, installata l’app, rimarrà solo da collegare il termostato, cosa resa possibile da un codice, un codice QR o un numero identificativo presente sul termostato che ci verrà chiesto di inserire nell’app per individuare la corrispondenza.

4. Qual è il termostato migliore?

In generale, è difficile stabilire quale sia il termostato “migliore”, perché ognuno ha funzioni esclusive rispetto agli altri.

Sebbene i termostati smart abbiano molte funzioni comuni tra loro (possibilità di risparmiare sul costo del gas, controllo a distanza) altre differiscono, ed è per questo che la scelta dovrebbe essere dettata dalle funzioni che ci interessano di più. Le più importanti, a cui fare attenzione, sono:

  • La compatibilità con l’assistente vocale: se abbiamo un sistema Google Home, Alexa o HomeKit scegliamo un termostato compatibile con il sistema che abbiamo;
  • Termostato mobile o cablato: il termostato mobile si può spostare, ma è composto da più unità; il termostato cablato rimane invece fisso, nella posizione del vecchio termostato.
  • Compatibilità con le valvole termostatiche: se le abbiamo, può essere utile scegliere un termostato in grado di comunicare con loro per accendere o spegnere i termosifoni secondo necessità, come Tado.
  • Intelligenza artificiale: non tutti ce l’hanno, ma alcuni termostati come Nest o Netatmo si autoregolano secondo le nostre abitudini. E’ una soluzione ideale per chi non vuol riprogrammare continuamente il termostato.
  • Funzioni aggiuntive per la caldaia: il controllo costante della temperatura, il confronto con le temperature esterne, la segnalazione di eventuali guasti sono alcune funzioni che ci permettono di tenere sotto controllo la caldaia così da poter programmare al meglio gli interventi di manutenzione.

La scelta delle funzioni che ci interessano maggiormente consente di scegliere con criterio il termostato più adatto alle nostre esigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *