TikTok (ex Musical.ly): cos’è e come funziona?

tiktok Musical.ly ha di recente cambiato veste e nome: a seguito di un accorso commerciale, l’app è stata assorbita da un’altra piattaforma social musicale, amatissima tra i più giovani, TikTok.

Appartenente al colosso cinese Douyin, l’applicazione è diventata ben presto una delle più scaricate al mondo. Ha perlopiù le stesse funzioni di Musical.ly ma con l’enorme pregio di possedere una community ben più ampia. TikTok infatti vanta oltre 500milioni di utenti, a cui vanno ad aggiungersi i circa 100milioni di utenti proveniente dall’ormai deceduta Musical.ly.

Obiettivo della compagnia cinese, che mira ad espandersi in tutto il mondo, è contrastare lo strapotere di Instagram sul versante condivisione video.

A cosa serve TikTok

Musical.ly permetteva a chiunque di condividere le proprie performance musicali. TikTok riprende tale tipologia di video ma la estende anche ad altre categorie.

Prima infatti che il lip sync e le imitazioni musicali dei propri artisti preferiti (tutte caratteristiche che, a suo tempo, resero famosa Musical.ly) stanchino la community, TikTok ha deciso di aprire le parte a qualsiasi contenuto video. Non solo brevi video musicali (che continuano comunque a rappresentare il vero cuore pulsante dell’app) quindi, ma anche condivisione di clip a tema sport, cibo, make-up,… A far parte dell’ampio parco video, entrano naturalmente a far parte anche le challenge, tanto amate dei giovanissimi.

Il tempo limite per la registrazione dei video rimane lo stesso: 60 secondi. Un tempo apparentemente breve, ma che mette alla prova tutta la creatività e la fantasia degli aspiranti nuovi divi di TikTok. Musical-ly era stato in grado di mettere in luce tanti piccoli talenti che nel tempo hanno sfondato nel mondo dello spettacolo e, con ogni probabilità, TikTok riuscirà a fare altrettanto.

Come funziona?

Utilizzare TikTok è davvero semplice.

Nonostante il rinnovamento dell’app, le clip musicali la fanno ancora da padrone all’interno della giovane community. Per iniziare a creare un nuovo video, occorre solo scegliere una canzone (appartenente ai diversi generi, come hiphop, dance, elettronica,..) dal vasto elenco presente nell’applicazione, cliccare il tasto centrale della schermata e iniziare a registrare.

Non finisce qui naturalmente, perché ciò che più ha attirato le orde di ragazzi su TikTok è la possibilità di abbellire le clip, aggiungendo filtri ed effetti, come emoji, animazioni o sticker.

Un altro modo per inserire video nell’app, oltre alla registrazione live, è quella di caricare le clip salvate nella gallery del profilo.

Prendere dimestichezza con la produzione dei video, della durata compresa tra i 15 e i 60 secondi, non sarà tuttavia sufficiente per incrementare la visibilità all’interno di TikTok. A differenza di Musical.ly, infatti, la piattaforma invita espressamente la community a caricare sulla piattaforma video della miglior qualità possibile.

Funzioni base di TikTok

Ecco le caratteristiche distintive di TikTok:

  • come utente, potrai fruire di tanti video scelti appositamente per te. Allo stesso modo di Instagram, TikTok propone contenuti personalizzati: l’app trova le clip più rilevanti ed interessanti in base alle tue abitudini di ricerca e alle interazioni con video e creator simili.
  • sempre come utente, non è necessario effettuare alcun tipo di ricerca, come invece accade su YouTube: i tuoi video e i tuoi tiktoker preferiti saranno già a disposizione all’ingresso nell’app
  • come creator, puoi aggiungere (e modificare) quanti video vorrai in maniera del tutto gratuita
  • completo utilizzo di emoji, effetti e filtri facciali da applicare alle clip
  • come aspirante tiktoker, puoi usufruire degli strumenti di editing video nativi della piattaforma
  • comoda interfaccia per la registrazione live ma, qualora decidessi di caricare un video precedentemente registrato, l’aggiunta nella gallery risulta essere semplice ed intuitiva

Come si scarica l’app

Puoi scaricare gratuitamente l’app sia da Google Play che da App Store.

Da notare che, in entrambi i casi, oltre al nome TikTok è presente anche la dicitura “include Musical.ly”, a fugare ogni dubbio che le due piattaforme siano collegate.

Ricorda inoltre che, come per le applicazioni simili, è necessaria la registrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *