Redmi diventa un marchio indipendente da Xiaomi

La linea Redmi di Xiaomi è da parecchi anni una delle più importanti per l’azienda cinese. Il modello Redmi Note 5, infatti, è stato uno dei principali best buy nella fascia medio-bassa Android di sempre ed i modelli di nuova generazione promettono di riprodurre il successo grazie al solito rapporto qualità/prezzo invidiabile ed un buon comparto multimediale.

Dal 2019 però c’è una novità: il brand Redmi ora si è separato da Xiaomi ed è indipendente. Si tratta di una scelta molto simile a quella che abbiamo visto nel 2018 con il lancio di Pocophone F1. Di conseguenza al momento la divisione mobile di Xiaomi (ricordiamo che quest’azienda produce anche molti altri dispositivi oltre agli smartphone) si divide in tre: Xiaomi, Redmi e Pocophone.

Cosa cambia per noi utenti?

Probabilmente nulla, visto che la linea di smartphnone Redmi, così come la linea pocofone, è disponibile negli store fisici di Xiaomi e nell’ecommerce ufficiale.

La divisione del brand Redmi da Xiaomi ricorda molto quello che è successo in casa Huawei qualche anno fa con la creazione di un sub-brand Honor. Questa scelta si è dimostrata vincente nel corso del tempo e quindi è probabile che Xiaomi abbia deciso di imitare la concorrenza. L’azienda ha ammesso durante la presentazione che il brand Redmi si concentrerà soprattutto su smartphone adatti ad un pubblico giovane, con un ottimo rapporto qualità/prezzo e facilmente accessibili online.

Redmi Note ad oggi ha in catalogo più di dieci modelli che è possibile acquistare in Italia sia sullo store ufficiale Xiaomi, su Amazon e nei negozi specializzati in elettronica di consumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *