Lampade Philips Scene Switch: cosa sono e come funzionano?

Da qualche tempo anche sul mercato italiano hanno trovato positiva diffusione le lampade SceneSwitch Philips, particolari lampade a LED che permettono di trovare in modo più confortevole la propria atmosfera domestica e, contemporaneamente, ottenere importanti benefici in termini di risparmio energetico.

Ma come funzionano le lampade della linea Scene Switch? Quali sono i principali punti di forza di questi accessori?

1. Come funzionano le lampade LED Philips Scene Switch

Le lampade della linea Scene Switch costituiscono un accessorio moderno e innovativo in ambito domestico, considerato che permettono di personalizzare meglio il livello di illuminazione delle stanze, consentendo così di trovare l’atmosfera giusta in pochi istanti.

Si tratta di lampade di nuova generazione, non RGB, non dimmerabili e non a variazione di tonalità della luce: caratteristiche che le lampade LED Scene Switch hanno evoluto con un nuovo assetto tecnologico, in grado di passare da luce bianca fredda a luce calda o molto calda, senza bisogno di installazioni aggiuntive (hub, smartphone, app, ecc).

Ma come funzionano?
In estrema sintesi, le lampade Scene Switch sono impostate su tre scenari di diversa luminosità: il fruitore potrà dunque passare da un’illuminazione funzionale alla luce naturale, verso una luce calda e soffusa (o livello intermedio) in maniera semplice e facilmente attivabile.

A proposito di semplicità, giova rammentare come siano lampade immediatamente configurabili: grazie all’installazione plug-and-play, sarà possibile regolare i LED dall’interruttore a parete (se li si utilizza con un drimmer, basterà impostare la luminosità sul 100%).

Le lampade Scene Switch sono poi in grado di memorizzare l’ultimo scenario. Dunque, sarà sufficiente lasciare il LED spento per almeno 6 secondi e memorizzare l’ultima temperatura di colore utilizzata. Per poter ripristinare le impostazioni predefinite, basta accendere e spegnere l’interruttore entro un secondo.

Qui sotto il video ufficiale esplicativo Philips.

2. Philips LED Scene Switch: modelli e prezzi

Lampde LED Philips SceneSwitch
Alla data di redazione di quest’articolo sono disponibili i 3 seguenti modelli:

  • Lampadina Goccia E27(attacco grande): potenze dei tre scenari 8, 5 e 2 W (il massimo equivale ad una lampada da 60W);
  • Lampadina a candela E14 (attacco piccolo): potenze dei tre scenari 5.5, 4 e 2 W (il massimo equivale ad una lampada da 40W);
  • Faretto (attacco GU10): potenze dei tre scenari 5, 2.5 e 1.5 W (il massimo equivale ad una lampada da 40W).

Online, ad esempio su Amazon, è possibile trovare anche diverse potenze: in questi casi assicurarsi del tipo di attacco e tensione di alimentazione in quanto questi prodotti sono destinati al mercato estero.

Parlando di prezzi si parte da circa 15€ e si possono trovare offerte per multipac o per prodotti esteri compatibili con lo standard elettrico italiano. Qui sotto trovi alcune offerte di Amazon: per vederle tutte clicca qui.

3. Scene Switch vs Philips Hue: quali differenze?

Quando si parla di lampade Philips Scene Switch è opportuno non fare confusione con l’altra gamma di lampade innovative dello stesso brand, Philips Hue.

Philips Hue è infatti il sistema di illuminazione intelligente (non che questa lampada non lo sia), con connessione wireless, che permette di controllare con facilità le luci in un’ottica smart home. Insomma, contrariamente alle lampade Scene Switch, che non sono connesse in smart home, i dispositivi Hue sono device integrabili con i più noti sistemi di casa intelligente, come Amazon Echo, Google Home e Apple HomeKit.

In altri termini, le lampadine Philips Hue sono gestite da una centrale (HUB) che controlla le lampadine, e che può essere controllata anche mediante smartphone attraverso specifica app. il funzionamento è semplice: basta inserire le lampadine nei comuni alloggiamenti al posto delle lampadine tradizionali, collegarle wireless alla centrale e controllarle poi con un comune dispositivo. A quel punto sarà possibile modificare il colore delle lampadine (se RGB) e programmare alcune configurazioni, come il momento di accensione e di spegnimento.

Fin qui, alcune riflessioni di base sulle lampade Scene Switch e sulla più nota gamma alternativa, Philips Hue. Se vuoi approfondire la conoscenza con queste tecnologie ti consigliamo di consultare questo articolo sull’illuminazione di casa. Buona lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *