Kit antifurto wireless: guida alla scelta

Quando si è interessati ad un impianto antifurto per la propria abitazione, una delle soluzioni migliori per avere un servizio completo è quello di affidarsi a professionisti specializzati (come previsto dal DM 37/08) che facciano il lavoro per noi. Una soluzione comoda, ma tutt’altro che economica e spesso superiore alle necessità che ha un cittadino medio.

Per questo motivo negli ultimi anni stanno diventando sempre più diffusi i kit antifurto fai-da-te: dei kit allarme, già pronti, che si installano con facilità e che mettono in sicurezza la casa.

Per farli funzionare non c’è necessità di un impianto cablato perché sono wireless e sfruttano la connessione Wi-Fi di casa, che consente ai diversi componenti di comunicare tra loro.

Indice della guida
1. Kit antifurto: come funzionano e quali sono le tipologie
2. I Kit antifurto con centralina
3. I Kit antifurto IoT (Internet of Things)

1. Kit antifurto: come funzionano e quali sono le tipologie

I Kit antifurto casa hanno un funzionamento molto semplice. Si compongono di varie parti, che comprendono sempre una centrale (che ci avverte, in qualche modo) e una serie di parti periferiche, i sensori di vario tipo che attivano l’allarme quando c’è necessità (scopri maggiori dettagli).

Esistono sostanzialmente due tipi di kit antifurto: ci sono i Kit con centralina, che hanno una centrale controllabile, e i Kit senza centralina Internet of Things. I primi si possono programmare associando i diversi dispositivi, mentre i secondi sono sempre collegati tra loro, ma l’allarme è costituito da una sirena che suona quando una delle altre parti viene attivata. I secondi sono più economici dei primi.

L’installazione è in generale semplice, e non richiede alcun intervento specializzato. A seconda del costo sono inclusi più servizi (e, in generale, più sensori), in modo che ciascuno possa scegliere il kit più adatto alle proprie necessità.

2. I Kit antifurto con centralina

La prima categoria di Kit antifurto è quella che comprende la centralina. Si tratta di un dispositivo, simile ad un tablet, che coordina le altre parti dell’allarme. Quando uno dei sensori si attiva avverte la centralina, che sarà stata opportunamente configurata da noi.

La centralina può far suonare una sirena interna o esterna, oppure avvertire la centrale operativa e, visto che i Kit sono collegati con lo smartphone, ci avverte tramite una notifica.

Di seguito un’analisi dei kit fai-da-te disponibili per l’acquisto.

2.1 Kit Antifurto Mapishop

Questo interessante kit, che è uno dei più completi e funziona grazie alla centralina, mette a disposizione tutto il necessario per rendere sicura la nostra casa.

Oltre alla centralina, che permette di controllare gli altri sensori, si compone di due sirene, una da interno ed una da esterno, due telecomandi per il controllo del kit, sei sensori di movimento e 10 sensori per le porte.

Con questi numeri è difficile che ci siano parti della casa che rimangono scoperte, e questo permette di avere una protezione totale senza la necessità dell’installazione di un antifurto professionale.

La centralina può essere collegata ad iOS ed Android tramite l’app dedicata, per avere sempre tutto sotto controllo.

2.2 Kit Antifurto LKM Security

Un altro antifurto a centralina interessante, anche se leggermente meno accessoriato (e un po’ più economico) rispetto al precedente, adatto magari per case più piccole, è quello proposto da Lkm.

Questo kit si compone, oltre alla centralina presente anche qui, di una sirena da esterno, sei sensori per la porta e quattro sensori di movimento, oltre ai due telecomandi per controllare l’impianto. Se vogliamo è possibile acquistare anche delle componenti aggiuntive per ampliare l’intero sistema, anche in futuro.

Nel complesso si tratta di un ottimo kit, compatibile anche in questo caso con le app per iOS ed Android per controllarlo dalla distanza e ricevere le notifiche in caso di intrusione.

2.3 Kit Antifurto Italian Alarm

Un altro interessante kit antifurto è quello proposto da Italian Alarm, anch’esso a centralina ma un po’ meno accessoriato rispetto ai precedenti, e più economico.

In particolare, si compone di due sensori per porte e finestre e di un sensore di movimento che si posiziona sul soffitto, oltre alla centralina e a ben tre telecomandi Wireless che possono essere usati per l’attivazione e la disattivazione.

Anche questo kit si può controllare dall’app per smartphone, che consente di rimanere costantemente aggiornati su quanto accade all’interno dell’edificio.

2.4 Kit Antifurto Bentel

Questo antifurto è uno dei più costosi ma anche uno dei migliori per la protezione della casa, soprattutto grazie ai tanti accessori compatibili che possono essere abbinati; si tratta di uno dei kit che maggiormente si avvicina ai prodotti professionali.

Si compone da relativamente pochi accessori, perché insieme alla centralina, che è il cuore del kit, ci sono un contatto magnetico per porta o finestre e un rilevatore a raggi infrarossi. Il kit si completa con il radiocomando, che permette di attivare e disattivare l’allarme fino a 2 Km di distanza.

l vantaggio di questo kit sta sopratutto nella possibilità di espansione con numerosi accessori da posizionare all’esterno dell’abitazione, quindi perimetrali, e può pertanto essere la base per una protezione totale dell’abitazione.

2.5 Kit Antifurto Dynasun

L’ultimo kit di cui vi parliamo è un kit meno costoso e più semplice, ma molto interessante.

Si compone dell’immancabile centralina a cui si va ad aggiungere un sensore ad infrarossi, un sensore magnetico per le porte e le finestre e due telecomandi per l’attivazione e la disattivazione. La centralina è compatibile con le SIM, per l’avvertimento della centrale operativa.

Si tratta di un kit piuttosto semplice pensato per case non particolarmente grandi, per chi cerca una protezione generale senza però dover affrontare una spesa eccessiva. Interessante, anche in questo caso, la possibilità di espansione tramite accessori, che possono essere allarmi non solo d’intrusione ma anche rilevatori di acqua, fumo e gas.

3. I Kit antifurto Internet of Things senza centralina

I kit antifurto senza centralina sono simili ai precedenti, con la differenza che la centralina non è presente, e il collegamento dei sensori è diretto con la sirena, che suona alla loro attivazione.

Sono più economici del precedenti, ma sono tutti Kit Internet of Things che possono comunicare tra loro, in quanto i sensori sono wireless (e funzionano a batteria). A seconda del kit l’attivazione può essere seguita da una notifica sul nostro smartphone o meno.

Di seguito vi mostriamo due kit economici che appartengono a questa tipologia.

3.1 Kit antifurto Tiiwee

Questo kit antifurto è un kit che si caratterizza per non avere la centralina, ma una sirena centrale che suona quando uno degli altri sensori si attiva.

Il kit si compone, oltre alla sirena, di due sensori per porta o finestra e di un telecomando per l’attivazione e la disattivazione (con la possibilità di espanderlo ad altre unità). La centrale, in questo caso, è la sirena da interno, che nel caso di movimento di un sensore inizia ad emettere un suono molto forte disorientando il ladro.

Oltre a non poter comunicare con la centrale, non può nemmeno inviare notifiche allo smartphone, ma nel complesso visto anche il costo permette di avere un piccolo impianto antifurto semplicissimo da gestire e da installare.

3.2 Kit Antifurto Navaris

L’ultimo kit di cui vi parliamo è pensato per chi vuole un servizio davvero basilare, perché il costo supera di poco le 20 euro.

Si tratta di un kit con sirena da esterno, composto oltre alla sirena da un sensore di movimento e dal telecomando per l’attivazione e la disattivazione.

Il funzionamento è davvero semplicissimo: quando il sensore di movimento si attiva la sirena suona, emettendo un suono molto potente destinato per lo più al vicinato, vista anche la mancata compatibilità con le notifiche su smartphone.

Poiché la sirena è da esterno, questa è certificata per non essere danneggiata dalla pioggia.

3.3 Kit Antifurto Gigaset

Questo kit antifurto è molto interessante in quanto si tratta di un sistema smart, controllabile da smartphone che riesce a sopperire alla mancanza della centralina.

Si compone di diverse parti, ed è disponibile in tre varianti.

In quella di base, composta da 4 parti, si trova la base, che fa da ponte tra lo smartphone (che consente il controllo), gli accessori periferici e la rete Wi-Fi, e poi ci sono un sensore di movimento, uno magnetico per la porta o la finestra e una sirena da interno.

Nelle altre due varianti, a 6 e 7 parti, si aggiungono rispettivamente altri due sensori per porta o finestra (nella variante da 6) e una videocamera (nella variante da 7).

E’ un kit interessante soprattutto perché grazie alla connessione ad internet si può controllare anche con il telefono, senza necessità di un radiocomando per attivarlo o disattivarlo, e possiamo sempre essere avvertiti qualunque cosa succeda in casa.

3.4 Kit Antifurto Somfy protect

Simile al precedente ma più costoso, si tratta di un sistema di allarme wireless collegato allo smartphone che ci avverte in caso di attivazione di uno degli accessori.

Si compone da una base, che permette la connessione wireless con gli accessori e con la rete Wi-Fi, e da una serie di accessori. Tra questi ci sono gli accessori per la sicurezza (una sirena, un rilevatore di movimento ad infrarossi e tre sensori per porte e finestre) e gli accessori per il riconoscimento, detti intellITAG, che costituiscono la parte più interessante del kit.

Sono in pratica dei portachiavi, che si tengono sempre con sé e quando entriamo in casa vengono riconosciuti, così che se l’allarme è attivo (ad esempio, se i figli dallo smartphone non lo possono disattivare) li riconosce e non suona.

Interessante inoltre la compatibilità con i sistemi domestici, visto che Somfy è compatibile con Nest, Amazon Alexa e IFTTT, per un’integrazione totale.

3.5 Kit Antifurto Ectech

Questo kit è particolarmente economico, e rappresenta un kit antifurto wireless senza centralina che, pur nella sua semplicità, offre una buona protezione.

Si compone di due sensori ad infrarossi, quattro sensori per porte e finestre, due telecomandi per attivazione e disattivazione e una sirena da interno con lampeggiante, che suona nel momento in cui uno degli altri accessori si attiva.

Il montaggio è molto semplice, tutti gli accessori sono wireless ed è anche possibile aggiungere altri accessori per rendere più ampio il sistema di allarme.

Consigliato soprattutto a chi cerca un buon sistema con una spesa molto limitata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *