iPhone: panoramica da Xs e Xr ai modelli del passato ancora validi

Gli smartphone prodotti da Apple, ossia gli iPhone, hanno da sempre un grande punto di forza rispetto ad Android ossia un supporto software notevolmente più lungo. Questo significa che generalmente un utente iOS non sente la necessità di cambiare il proprio smartphone ogni due anni perché poi non riceve più aggiornamenti (come succede invece in campo Android).
apple iphone x fronte retro

Ma questo pregio di iOS porta molte persone a farsi delle domande, soprattutto perché gli smartphone Apple hanno anche un grande difetto: sono tutti di fascia alta. Questo significa che non è possibile andare in un Apple Store e comprare uno smartphone (lanciato nel 2018 quindi di recente uscita sul mercato) da 199 o 249 euro.

E allora, visto che i “vecchi” iPhone vengono comunque supportati lato software per parecchi anni, la domanda sorge spontanea (come diceva qualche anno fa un famoso presentatore televisivo): vale la pena acquistare un iPhone più vecchio per risparmiare qualcosa?

Purtroppo non c’è una risposta univoca a questa domanda perché ci sono molti aspetti da considerare ed in ogni caso alla fine dipende sempre dalle esigenze effettive degli utenti. Partiamo da un presupposto: l’utente Apple fondamentalmente desidera sempre l’ultimo modello perché, come dicevamo prima, non esistono smartphone di fascia bassa, media o alta, ma esistono solo iPhone nuovi e iPhone vecchi. In pratica, chi vorrebbe un iPhone 8 quando sul mercato è disponibile l’iPhone XS Max?

Purtroppo non tutte le novità dell’ultimo iOS sono sfruttabili nei vecchi modelli

Ma al di là di queste considerazioni che fanno leva più su un desiderio che una reale esigenza, bisogna tenere conto anche di un altro aspetto: le potenzialità di iOS 12 su iPhone 5S sono completamente diverse da quelle di iPhone XS Max.

Questo punto in realtà è valido anche per qualsiasi smartphone Android perché il software può essere aggiornato anche per quattro, cinque anni ma non tutte le funzionalità risulteranno compatibili con un hardware troppo vecchio. Un esempio su tutti: le Animoji sono disponibili su iOS 12 ma non sono compatibili su smartphone precedenti ad iPhone X.

Ok, probabilmente di fronte alla possibilità di risparmiare dai 300 ai 400 euro probabilmente la maggior parte di noi rinuncerebbe prontamente a queste animazioni, ma se dovessimo parlare di funzionalità che possono fare la differenza nell’uso quotidiano potremmo citare sicuramente Apple Pay, un sistema di pagamenti via smartphone che non è possibile utilizzare su iPhone 5S, sebbene quest’ultimo sia aggiornato all’ultima versione di iOS.

Infine, lo sblocco tramite il riconoscimento 3D del volto. Anche questa funzionalità è perfettamente integrata in iOS 12 ma a meno che non abbiate un iPhone X, un iPhone XS, un iPhone XS Max o un iPhone XR non potrete sfruttarla.

Infine, in generale, anche se una funzionalità risultasse compatibile anche su un iPhone di vecchia generazione dobbiamo sempre tenere conto dei limiti hardware. Per cui a parità di applicazione fotocamera gli scatti che potremo ottenere su un iPhone di vecchia generazione non saranno paragonabili a quelli dei modelli più recenti.

Come potete notare ci sono diversi spunti di riflessione, e questi dovrebbero spingere un possibile acquirente Apple, intenzionato ad acquistare un iPhone di vecchia generazione, a non andare poi troppo indietro nel tempo.

iPhone 6, 6s e 6s plus

Se da una parte un iPhone vecchio comporta un’esperienza d’uso diversa da quella di un iPhone di nuova generazione, bisogna anche valutare l’effettivo risparmio. Attualmente un iPhone 6 nuovo (quindi lasciando da parte il mondo dell’usato e dei ricondizionati) si può trovare a circa 300 euro. Vale la pena di spendere questa cifra per un iPhone di 4 anni fa? La risposta è assolutamente no.

Fondamentalmente questo discorso vale anche per iPhone 6 Plus, iPhone 6S e iPhone 6S Plus. Potrebbe avere un senso (per una ristretta nicchia di persone) l’iPhone SE dato che ad oggi non ci sono più smartphone di quelle dimensioni per cui questa potrebbe essere l’unica soluzione per chi nel 2018 volesse uno smartphone con display da 4 pollici.

iPhone 7 e 7 plus

Potrebbe, invece, avere senso nel 2018 l’acquisto di un iPhone 7 o di un iPhone 7 Plus. Infatti, il prezzo online di un iPhone 7 nuovo si aggira tra i 450 e i 500 euro. Ma essendo uno smartphone abbastanza recente si potrebbe cominciare a dare un’occhiata al mercato dell’usato e dei ricondizionati. In questo caso il prezzo potrebbe scendere intorno ai 300 o 350 euro ma lo smartphone potrebbe avere una batteria ancora performante e le prestazioni sarebbero comunque di gran livello.

iPhone 8 e 8 plus

Le migliori offerte online si trovano su iPhone 8 e iPhone 8 Plus. Come si accennava prima, chi vorrebbe un iPhone 8 quando sul mercato c’è l’iPhone X? E così il prezzo di iPhone 8 si è rapidamente abbassato e online è possibile acquistarlo a circa 600 euro.

iPhone X

Per quanto riguarda iPhone X, invece, potrebbe non valere più la pena perché il prezzo rimane comunque molto elevato, pur essendo stati rilasciati sul mercato i nuovi iPhone XS, XS Max e XR.

I nuovi iPhone Xs, Xs Max e Xr

Ed eccoci arrivati allora ai tre nuovi modelli di iPhone: quale è meglio acquistare? Indubbiamente fra i tre dispositivi la vera novità è iPhone XS Max dato che introduce un display molto più grande (6,5 pollici) e quindi si presta maggiormente ad un uso multimediale (sicuramente guardare una puntata di una serie TV su Netflix sarà più confortevole rispetto ad un iPhone X). Tuttavia, il prezzo è altissimo visto che si parte da una base di 1289 euro.

Tra iPhone XS e iPhone X le differenze sono quasi impercettibili per cui se avete già il modello dello scorso anno non vale la pena di effettuare l’upgrade mentre lo smartphone giusto per chi vuole “risparmiare” è iPhone XR. Quest’ultimo ha un prezzo di partenza pari a 889 euro e fatta eccezione per qualche specifica tecnica di qualità inferiore (soprattutto il display) dispone dello stesso processore A12 Bionic e quindi offrirà le stesse performance dei suoi “fratelli maggiori”.

Indubbiamente entrare nel mondo Apple comporta un notevole costo economico, ma farlo per la porta secondaria acquistando un iPhone molto vecchio non è saggio. Meglio sfruttare eventuali promozioni di fine anno da parte di alcuni negozi come il taglio dell’IVA di Unieuro e simili, oppure date un’occhiata a piattaforme come eBay ed Amazon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *